Alla scoperta di Milano sotterranea

Percorrere ogni giorno in lungo in largo le strade di Milano e non sapere che sotto i nostri piedi si nasconde una città sotterranea.

Milano Sotterranea visita guidata Neiade 05

Milano Sotterranea visita guidata Neiade 07

Milano Sotterranea visita guidata Neiade 06

Chissà quanti di noi si rispecchiano in questa situazione. E’ arrivato il momento giusto per scoprirle, queste fondamenta! Il 27 aprile e il 7 maggio 2016 alle ore 16 Neiade organizza due visite guidate alla scoperta di “Milano sotterranea”.

Il punto d’incontro è in piazza Fontana, angolo via Pattari dove occorre presentarsi con 15 minuti d’anticipo. Le tappe del tour, che dura circa un’ora e mezza, sono l’area archeologica del Duomo e la cripta di San Giovanni in Conca.

Si scende quattro metri sotto il sagrato del Duomo per iniziare a esplorare il complesso archeologico più antico della città, accompagnati da una guida, per vedere ciò che resta del meraviglioso edificio ottagonale che costituiva il Battistero di San Giovanni alle Fonti. Più avanti, seguendo le tracce dei resti della pavimentazione in opus sectile, si trovano le tracce di due absidi della Basilica di Santa Tecla, della metà del IV secolo dopo Cristo.

Non è finita, ma prima si prende una boccata d’aria. Ci aspetta la cripta di San Giovanni in Conca, in piazza Missori. Qui il sottosuolo nasconde uno spettacolo vero e proprio, rappresentato prima di tutto dalle arcate delle pochissime cripte romaniche originali che si possono ritrovare a Milano.

Il costo della visita guidata è di 20 Euro.

Per informazioni: Milano sotterranea

Valentina Colombo

Scrivere è tornare ogni volta sulla mia isola felice. Le parole che prendono forma su un foglio bianco sono una composizione magica. Così a un certo punto inizio a scrivere comunicati stampa e, dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, divento giornalista. Le mie ancora di salvezza nella vita quotidiana sono i libri e la cucina. Mi piacciono i contrasti, sono pigra ma curiosa, amo mettermi alla prova. Come ora, nel ricomporre l’immagine della mia Milano in cui sono nata e cresciuta.

No Comments Yet

Comments are closed