Luini, il forno che dal 1949 conquista i palati di Milano

Non siete stati a Milano se non avete assaggiato almeno una volta i panzerotti di Luini.

luini2_sfatami

Passeggiando per le strade della città meneghina, a due passi dal Duomo il forno di Luini balza subito all’occhio, non per via di vetrine appariscenti o insegne luminose, ma la lunga coda di clienti che ogni giorno si mettono in fila pur di non rinunciare al famoso panzerotto. Niente allarmismi però, perchè la velocità del personale è garantita e in men che non si dica vi ritroverete per le mani una leccornia che, ne siamo certi, ne farà valere la pena.

Il successo di Luini nasce dall’intuizione della signora Giuseppina che si trasferisce dalla Puglia con una valigia piena di ricette e determinazione,  approda a Milano e rileva il forno di via S. Redegonda 16 dando vita alla famosa attività. La ricetta dell’impasto dei panzerotti, rigorosamente prodotti al momento, è un segreto di famiglia custodito gelosamente dal figlio della signora Giuseppina e dai nipoti. Quello di cui siamo certi è che la scelta di ingredienti di qualità contribuisce a rendere questi prodotti ancora più gustosi e prelibati.

luini3_sfatami

Il forno Luini si è conquistato negli anni un posto speciale nel cuore dei milanesi, tanto che nel 1988 l’amministrazione comunale gli conferisce l’Ambrogino come simbolo di simpatia, amicizia e apprezzamento. I clienti più fedeli, però, preferiscono omaggiarlo passandoci ogni volta che possono, magari con una piccola deviazione sul percorso. D’altronde il rituale che si crea lì davanti è ricco di magia… prima si viene avvolti dai profumi invitanti che escono dal negozio, poi si assapora il gusto dell’attesa aspettando il proprio turno e infine si conquista uno dei famosi panzerotti fumanti. Cosa rimane da dire? Buon appetito!

Per informazioni: www.luini.it

Stefania Pristerà

Grafica per vocazione e redattrice per passione, ho sempre avuto qualcosa da dire (e da ridire). Ho una passione smodata per la carta e sono piena di manuali sugli origami, lo scrapbooking e la meditazione. Un giorno li leggerò. Sono entusiasta, ironica, spesso agitata e sempre in ritardo. Mi piace cercare i significati nascosti e interpretare senza accontentarmi del superficiale. Quello lo lascio ai più.

No Comments Yet

Comments are closed