Quante sono le stelle nel cielo di Milano: lo spettacolo è al Planetario

«Alla Generosa Milano, mia patria d’adozione, dono, con animo riconoscente, il Planetario.»

Così l’editore italo svizzero Ulrico Hoepli, al quale è intitolato l’edificio situato in corso Venezia, annunciò il suo dono alla città nel 1930. Ancora oggi il Planetario è una delle attrazioni milanesi più affascinanti, grazie alla capacità di far sognare ad occhi aperti attraverso la riproduzione dell’aspetto del cielo stellato, degli astri e dei loro movimenti sulla volta celeste.

Con la sua cupola di 19,6 metri di diametro e la capacità di ospitare oltre trecento persone, il Planetario è la struttura dedicata alla cultura astronomica più grande in Italia. Qui si svolgono attività sia divulgative sia didattiche, con l’ausilio della macchina “planetario”, uno Zeiss modello IV, utilizzata per le proiezioni e installata nel 1968.

Curiosità: non vi sfuggirà che alla base della cupola è riprodotto un profilo della città di Milano, così come era nel 1930: con il Duomo, ma senza tutti i nuovi edifici e grattacieli costruiti successivamente, per esempio il Grattacielo Pirelli, la Torre Unicredit e il Palazzo Lombardia.

Ogni anno più di 100 mila persone visitano il Planetario: molte le scuole per le quali l’ideale è l’abbinamento all’ingresso al vicino Museo di Storia naturale, al Museo archeologico o all’Acquario civico. I programmi educativi sono studiati in modo differente per diverse età, dalla scuola dell’infanzia, alla primaria fino alla secondaria di secondo grado. Tanti anche i laboratori all’insegna della creatività: da “Frankenstein” e “Fulmini e saette” per studiare l’elettricità a “Bolle al cubo” per chi vuole sapere tutto sull’acqua; da “Carta senza scarti” per imparare l’arte del riciclo a “Diamo i numeri” per i matematici in erba.

Foto Turismo Comune di Milano

Le attività del Civico Planetario sono gestite dal 2016 dall’associazione LOfficina che cura la programmazione degli appuntamenti rivolti al pubblico, la progettazione di nuove attività, la conduzione di tutte le proposte scolastiche e di alcuni degli appuntamenti pubblici.

Ogni due settimane, il mercoledì sera, si svolgono qui alle ore 20:40 le riunioni del Circolo Astrofili di Milano, l’associazione culturale senza fini di lucro per la divulgazione dell’astronomia e della scienza. L’ingresso a questi incontri è libero.

Gli appuntamenti con il naso all’insù sono vari. Fra questi, l’osservazione del cielo del mese ogni prima settimana.

Per ulteriori informazioni e per essere aggiornati sul programma degli eventi: https://lofficina.eu

Valentina Colombo

Scrivere è tornare ogni volta sulla mia isola felice. Le parole che prendono forma su un foglio bianco sono una composizione magica. Così a un certo punto inizio a scrivere comunicati stampa e, dopo gli studi in Scienze della Comunicazione, divento giornalista. Le mie ancora di salvezza nella vita quotidiana sono i libri e la cucina. Mi piacciono i contrasti, sono pigra ma curiosa, amo mettermi alla prova. Come ora, nel ricomporre l’immagine della mia Milano in cui sono nata e cresciuta.

No Comments Yet

Comments are closed